www.BodyTraining.it = Sport + Salute + Benessere!

 
BodyTraining: sport salute e benessere vi presentiamo BodyTraining.it , l'Azienda, la nostra Mission, i Servizi e le sezioni discussioni su sport salute e benessere video ed immagini di esercizi per bodybuilding e fitness database degli alimenti con i valori nutrizionali articoli su sport salute e benessere FAQ su sport salute e benessere scegli il tuo Personal Trainer!
  Registrati, E' GRATIS !
BodyTraining è...
homepage di BodyTraining.it=Sport+Salute+Benessere! Home

articoli sport salute benessere Archivio Articoli

argomenti articoli benessere sport salute Argomenti

foto progressi traguardi utenti body training BodyTraining Gallery

BTStudio BTStudio

Calcolatore Pasti Calcolatore Pasti

articoli sport esecuzione esercizi valori nutrizionali Cerca

Chi_Siamo Chi_Siamo

contatta staff body training Contattaci

valori nutrizionali alimenti proteine carboidrati grassi Database Alimenti

video corretta esecuzione esercizi squat rematore stacco palestra Database Esercizi

Downloads Downloads

allenamento addominali bicipiti pettorali alimentazione B.T.M.2 B.T.M.3 B.T.M.F scheda massa definizione FAQ

forum sport esercizi massa forza definizione diete integratori eventi gare bodybuilding video esercizi medicina sportiva psicologia sport ortopedia arti marziali recensioni libri Forum

body builders siti sport training medicina salute Links

messaggi privati body training Messaggi Privati

consiglia sito body training Passaparola

personal trainer domicilio benessere fit@home Personal Trainer

utente body training Profilo Utente

pagine portale sport salute benessere più visitate Sondaggi

articoli massa definizione integratori alimentazione anatomia fisiologia più letti meglio votati Top 10

Forum
  Mi consigliate ???
by kristian in
ultimo messaggio di kristian il 06 Nov, 2014 alle 02:17:10

visto: 8753 - risposte: 2


  paura di bruciare i muscoli
by Rocky in
ultimo messaggio di Emanuele il 18 Aug, 2014 alle 10:41:46

visto: 10876 - risposte: 5


  super set
by Rocky in
ultimo messaggio di Emanuele il 15 Aug, 2014 alle 12:39:53

visto: 8561 - risposte: 1


  allenamento
by Rocky in
ultimo messaggio di Emanuele il 15 Aug, 2014 alle 12:37:07

visto: 8773 - risposte: 1


  Episodi di fame notturna (di zuccheri)
by chandal in
ultimo messaggio di Emanuele il 04 Aug, 2014 alle 11:56:25

visto: 10185 - risposte: 3


  allenamento e incontinenza fecale
by ryu_6 in
ultimo messaggio di Emanuele il 07 Jul, 2014 alle 16:13:14

visto: 10725 - risposte: 9


  MI POTETE AIUTARE NELL'ALIMENTAZIONE :)
by ANDRY90 in
ultimo messaggio di Emanuele il 29 Jun, 2014 alle 20:38:13

visto: 63282 - risposte: 2


  Metodo negaste modificato
by ceso93 in
ultimo messaggio di Emanuele il 29 Jun, 2014 alle 20:36:29

visto: 7010 - risposte: 1


  MI PRESENTO
by ANDRY90 in
ultimo messaggio di Emanuele il 29 Jun, 2014 alle 20:28:32

visto: 6693 - risposte: 1


  L'anello debole..
by Jester in
ultimo messaggio di Emanuele il 13 Jun, 2014 alle 12:21:59

visto: 9007 - risposte: 5


 Tot. Topic: 2021
 Tot. Post: 40810
 Tot. Letture: 11785212
 Tot. Risposte: 38809
 Tot. Utenti: 165629
[ Forum ]   [ Cerca ]
Partners

Il sito che raccoglie i Posturologi di tutta Italia che professano con titoli riconosciuti e serietà questa branca della Medicina





Il nuovo sito di Touring Sport!

alimentazione: Come sfruttare l’insulina per incrementare la massa muscolare
Postato il Domenica, 30 agosto 2009 alle 15:59:17 CEST di staff
alimentazione

Il nostro campione, Francesco Crisafulli, spiega il rapporto carboidrati-energia; come sfruttare l’insulina per incrementare la massa muscolare, prestando attenzione a come, a quanto e a quando assumere determinati carboidrati.

Questo breve trattato vuole fare un po' di chiarezza sullla corretta metodica alimentare con uno sguardo in più all' indice glicemico ed alla stimolazione naturale dell'insulina.



Oggi vorrei spiegare come si può sfruttare l’IG (indice glicemico) in chi pratica dell’attività sportiva e che cerca di trarre il massimo da ogni aiuto che gli si presenta.

Per iniziare, possiamo dire che un miglioramento nell’utilizzazione dei carboidrati ottenuto tramite la manipolazione alimentare e l’utilizzo degli indici glicemici, può portare non solo ad un miglioramento, ma anche ad un aumento della massa corporea senza accumulo di grasso, nonché ad un calo delle frazioni lipidiche nel sangue, con conseguente riduzione dei fattori di rischio cardiovascolari. La scarsa tolleranza ai carboidrati, si traduce nella difficoltà a recuperare le energie una volta terminato l’allenamento ed a ricreare la riserva di glicogeno nei tessuti muscolari, nonostante l’esercizio fisico provochi un miglioramento della capacità di trasporto ed utilizzazione di glucosio (non solo da parte dei muscoli, forse perché quest’ultimo effetto è transitorio). Cominciare l’allenamento con una quantità di glicogeno limitata, implica una notevole difficoltà nel portare a termine allenamenti intensi, figuriamoci per chi si cimenta in gare agonistiche che durano ore (ciclismo, maratone, ecc..).

Le conseguenze di depauperamento delle riserve di glicogeno possono avere effetti dannosi in quanto si può favorire la produzione di ormoni catabolici. In sostanza, se le riserve di glicogeno sono già scarse prima di affrontare l’allenamento, l’organismo dovrà affidarsi all’azione degli ormoni dello stress per trovare le energie che permettano di portare a compimento l’attività. Il problema maggiore è che questi “cata-ormoni” dello stress continuano a rimanere in circolo anche dopo aver terminato l’allenamento e possono rimanervi anche dopo aver consumato un pasto che psicologicamente ci fa presupporre di aver recuperato e ripristinato le energie spese (niente di più sbagliato). L’aumento del cortisolo, portato a livelli tali che l’organismo deve affidarsi a lui per trarre energia, influenza negativamente l’elaborazione e l’utilizzazione dei nutrienti introdotti con l’alimentazione, anche a distanza di sei ore dalla fine dell’allenamento.

In aggiunta, il cortisolo, genera resistenza all’insulina e influisce sulla tolleranza ai glucidi. Per quanto riguarda il pasto precedente l’impegno fisico, solitamente si consiglia di assumere, approssimativamente un’ora prima, dei carboidrati; se, però, l’organismo non è in grado di utilizzarli in modo efficace, si può avere un innalzamento rapido dei livelli di glucosio, dannoso sia per l’attività (con conseguente rebound e calo delle prestazioni), sia per l’organismo stesso. E’ proprio in questi soggetti che può rilevarsi ottima la scelta di alimenti con indici glicemici moderati o bassi. Abituandosi ad un regime alimentare corretto e ad uno stile di vita idoneo lo sportivo, che prima soffriva di mal tolleranza glucidica, potrà migliorare il suo metabolismo con conseguente aumento della capacità di ricostituzione delle riserve di glicogeno ed una diminuzione nella secrezione degli ormoni dello stress indotti dall’allenamento.

Il risultato finale comporta un miglioramento della ritenzione di azoto (anabolismo) ed un rimodellamento verso un corpo più snello. Ribadisco che l’attività sportiva è uno dei metodi più efficaci per aumentare la tolleranza ai carboidrati. Nelle due ore che seguono l’allenamento, il trasporto di glucosio nei muscoli aumenta ed è ormai pratica comune assumere un pasto contenente una elevata quantità di carboidrati appena terminato lo sforzo fisico. Questi consentono una rigenerazione del glicogeno più efficace, interrompono la gluconeogenesi e riducono la secrezione del cortisolo. Adesso arriva il nodo al pettine: chi possiede una normale tolleranza ai carboidrati può assumere questo pasto non facendo attenzione al tipo di carboidrato ingerito, in quanto ha una metabolizzazione ottimale; il problema è per lo sportivo che possiede una minore capacità di utilizzare questi zuccheri introdotti (anche se parzialmente aiutato dall’attività fisica appena svolta) in quanto i livelli di glucosio nel sangue potrebbero elevarsi repentinamente rispetto alla capacità di utilizzazione dei tessuti, con la possibilità che questo si depositi come grasso e non come glicogeno. Per questi soggetti, è consigliabile assumere un pasto con alimenti a medio indice glicemico o, se proprio se ne assumono ad elevato IG, devono avere l’accortezza di diluire l’ingestione in tempi più lunghi o più frazioni. Per quanto riguarda la quantità (parametro che ha un’influenza non trascurabile), deve essere stabilita in base a prove di tollerabilità effettuate su singolo soggetto.

Mangiare più lentamente e consumare più spesso piccoli pasti riduce efficacemente la risposta glicemica di qualsiasi tipo di carboidrati. Ingerire 50g di glucosio in una sola volta provoca un innalzamento della glicemia a cento mentre assumendo la stessa quantità di glucosio nell’arco di un’ora avremo una minore risposta glicemica e farà somigliare questo carboidrato ad uno con un indice sicuramente inferiore.

tabella indice glicemico diversi alimenti

  (fonte: Wikimedia - autore: P. Forster)

 

Gli integratori di fibre solubili sono utili nel ridurre la risposta glicemica causata dall’assunzione di cibi con elevato IG perché ne rallentano la digestione e l’assorbimento. Ciò non significa che gli integratori possono sostituire gli alimenti naturali, ma solo che la loro utilizzazione può risolvere determinati problemi di carenze o intolleranze. Termino questo argomento, a mio avviso interessante, dicendo che esistono molte persone che, pur non rendendosene conto, possiedono una mal tolleranza ai carboidrati e che, seguendo diete ricche di questi nutrienti e povere in grassi, possono incorrere in spiacevoli sorprese. In questi casi è bene optare per quegli alimenti a basso o medio IG (sempre in relazione alla composizione del pasto) che possono favorire un utilizzo ottimale delle energie a disposizione ed ottimizzare tutti i processi metabolici dell’organismo che non si ritrova più in uno stato di handicap funzionale.







Tutti i diritti sono riservati all’autore dell’articolo.
La riproduzione dell’articolo intero o parziale è vietata previa autorizzazione scritta dell’autore.
Francesco Crisafulli,
Personal Trainer e 2 volte campione Italiano F.I.P.C.F. CONI.

Copyright © www.Bodytraining.it 
Tutti i diritti sono riservati - All rights reserved

Ti è piaciuto questo Articolo? Condividilo con i tuoi Amici:
Facebook Live MySpace Technorati Twitter
 
Login
Nickname

Password

Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

Non hai ancora il tuo account BodyTraining.it?

Registrati, E' GRATIS !

Scopri i vantaggi di essere un utente BodyTraining.it registrato!
Links Correlati
 God
 God
 Inoltre alimentazione
 News by staff


Articolo più letto relativo a alimentazione:
Dispendio energetico e metabolismo basale

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 5
Voti: 3


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Argomenti Correlati

alimentazionefisiologia

Spiacente, non sono disponibili i commenti per questo articolo.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2002 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license
Versione italiana a cura di Weblord.it.
Generazione pagina: 2.53 Secondi