www.BodyTraining.it = Sport + Salute + Benessere!

 
BodyTraining: sport salute e benessere vi presentiamo BodyTraining.it , l'Azienda, la nostra Mission, i Servizi e le sezioni discussioni su sport salute e benessere video ed immagini di esercizi per bodybuilding e fitness database degli alimenti con i valori nutrizionali articoli su sport salute e benessere FAQ su sport salute e benessere scegli il tuo Personal Trainer!
  Registrati, E' GRATIS !
BodyTraining è...
homepage di BodyTraining.it=Sport+Salute+Benessere! Home

articoli sport salute benessere Archivio Articoli

argomenti articoli benessere sport salute Argomenti

foto progressi traguardi utenti body training BodyTraining Gallery

BTStudio BTStudio

Calcolatore Pasti Calcolatore Pasti

articoli sport esecuzione esercizi valori nutrizionali Cerca

Chi_Siamo Chi_Siamo

contatta staff body training Contattaci

valori nutrizionali alimenti proteine carboidrati grassi Database Alimenti

video corretta esecuzione esercizi squat rematore stacco palestra Database Esercizi

Downloads Downloads

allenamento addominali bicipiti pettorali alimentazione B.T.M.2 B.T.M.3 B.T.M.F scheda massa definizione FAQ

forum sport esercizi massa forza definizione diete integratori eventi gare bodybuilding video esercizi medicina sportiva psicologia sport ortopedia arti marziali recensioni libri Forum

body builders siti sport training medicina salute Links

messaggi privati body training Messaggi Privati

consiglia sito body training Passaparola

personal trainer domicilio benessere fit@home Personal Trainer

utente body training Profilo Utente

pagine portale sport salute benessere più visitate Sondaggi

articoli massa definizione integratori alimentazione anatomia fisiologia più letti meglio votati Top 10

Forum
  Mi consigliate ???
by kristian in
ultimo messaggio di kristian il 06 Nov, 2014 alle 02:17:10

visto: 9724 - risposte: 2


  paura di bruciare i muscoli
by Rocky in
ultimo messaggio di Emanuele il 18 Aug, 2014 alle 10:41:46

visto: 12239 - risposte: 5


  super set
by Rocky in
ultimo messaggio di Emanuele il 15 Aug, 2014 alle 12:39:53

visto: 9526 - risposte: 1


  allenamento
by Rocky in
ultimo messaggio di Emanuele il 15 Aug, 2014 alle 12:37:07

visto: 9582 - risposte: 1


  Episodi di fame notturna (di zuccheri)
by chandal in
ultimo messaggio di Emanuele il 04 Aug, 2014 alle 11:56:25

visto: 11504 - risposte: 3


  allenamento e incontinenza fecale
by ryu_6 in
ultimo messaggio di Emanuele il 07 Jul, 2014 alle 16:13:14

visto: 12351 - risposte: 9


  MI POTETE AIUTARE NELL'ALIMENTAZIONE :)
by ANDRY90 in
ultimo messaggio di Emanuele il 29 Jun, 2014 alle 20:38:13

visto: 64426 - risposte: 2


  Metodo negaste modificato
by ceso93 in
ultimo messaggio di Emanuele il 29 Jun, 2014 alle 20:36:29

visto: 7833 - risposte: 1


  MI PRESENTO
by ANDRY90 in
ultimo messaggio di Emanuele il 29 Jun, 2014 alle 20:28:32

visto: 7362 - risposte: 1


  L'anello debole..
by Jester in
ultimo messaggio di Emanuele il 13 Jun, 2014 alle 12:21:59

visto: 10212 - risposte: 5


 Tot. Topic: 2021
 Tot. Post: 40810
 Tot. Letture: 13780661
 Tot. Risposte: 38809
 Tot. Utenti: 165629
[ Forum ]   [ Cerca ]
Partners

Il sito che raccoglie i Posturologi di tutta Italia che professano con titoli riconosciuti e serietà questa branca della Medicina





Il nuovo sito di Touring Sport!

anatomia: Pettorali: come allenarli…
Postato il Mercoledì, 25 novembre 2009 alle 11:57:53 CET di staff
anatomia

In questa occasione parlerò della mia esperienza sull’allenamento dei pettorali, muscoli eccezionalmente affascinanti e ricordo a tal proposito con piacere le emozioni che provavo quando guardavo posare Arnold, in particolare nella posa del più muscoloso rimanevo incantato! 

Sono i muscoli più indicativi o perlomeno più rilevanti ed eccitanti da allenare per il neofita culturista. Mi capita ancora spesso che ragazzi alle prime armi insistano più del dovuto con l’allenamento di questo muscolo, peraltro considerato da molti il più simbolico e virile muscolo maschile: il petto.



Questo muscolo riveste la sezione superiore della cassa toracica e svolge una funzione antagonista rispetto ai muscoli dorsali. E’ importante ricordare che i pettorali, i dorsali, i lombari e gli addominali sono definiti anche muscoli posturali, per questo è fondamentale che siano sviluppati in modo proporzionale da non creare scompensi alla struttura scheletrica; quindi è sbagliato concentrarsi sul lavoro di questo muscolo e trascurare il resto.

Grande Pettorale anatomia parte superiore del corpo

(Pectoralis major muscle,Original by sv:Användare:Chrizz, 27 maj 2005)
-
Il muscolo GRANDE PETTORALE si divide in tre parti : la parte clavicolare, la parte sternocostale e la parte addominale.
-
La parte clavicolare ha origine dalla metà mediale del margine anteriore della clavicola;

la parte sternocostale ha origine dalla fascia sternale e dalle cartilagini della 2^- 6^ costa;

la parte addominale si inserisce nella porzione più superiore dell’omero rispetto le altre due.

Sul tubercolo maggiore, protuberanza dell’omero, le tre parti si inseriscono incrociandosi.

Il muscolo grande pettorale è molto robusto e forte. Esso ha forma quadrangolare a braccio pendente lungo il corpo, mentre è a forma triangolare a braccio alzato. Il muscolo abbassa con forza e velocità verso in avanti il braccio, inoltre determina l’adduzione del braccio (avvicinamento al corpo rispetto al piano sagittale) e lo intraruota. Infine tale muscolo collabora nell’azione di inspirazione dilatando il torace se l’arto è fisso.

Infatti ci capita di vedere l’atleta stanco che puntando le mani ai fianchi immobilizza le braccia, per utilizzare questi muscoli quali respiratori ausiliari. A seconda della suddivisione tra fibre che formano le tre parti fondamentali del grande pettorale possiamo distinguere tre modalità diverse di come eseguire l’esercizio rispettando angolazioni precise.

                                                                                         Piccolo Pettorale anatomia muscolare parte superiore del corpo

                                                                      (Pectoralis minor muscle, Original by sv:Användare:Chrizz, 1 juni 2005)
-
Per esempio se vogliamo sviluppare la parte superiore del gran pettorale dobbiamo sollecitare maggiormente il lavoro della parte clavicolare, quindi eseguiremo esercizi di base o esercizi complementari tenendo il busto inclinato a 30°/45°/60° max in modo che la traiettoria della forza nei confronti del busto abbia tale angolazione poiché angolazioni superiori sposterebbero il lavoro più a carico del deltoide clavicolare (detto anche deltoide anteriore) e non sul muscolo in questione. Al contrario se vogliamo sviluppare la parte addominale quindi la fascia inferiore del petto si eseguirà l’esercizio con il busto declinato e infine per lavorare in modo centrale il petto basterà eseguire l’esercizio con il busto completamente orizzontale o verticale, l’importante è che la traiettoria della forza esercitata sul muscolo quindi le posizioni delle braccia siano perpendicolari rispetto al busto; ad esempio con panca piana (bench press) o pectoral machine, chest press (ecc…)

Roberto Eusebio campione nazionale assoluto body fitness muscolo pettorale

Fig. 1- Roberto Eusebio in allenamento

Per quanto riguarda l’allenamento personalmente col passare degli anni mi sono reso conto che i migliori benefici la migliore congestione l’ho ottenuta lavorando con i manubri piuttosto che con macchine o bilancieri ed ora vi spiego il motivo. Come abbiamo analizzato il movimento ci siamo resi conto che questo muscolo ha anche una funzione di adduttore. Con i manubri durante le distensioni su panca a qualsiasi grado di inclinazione (vedi fig.1) nella fase di estensione nella quale il braccio si trova teso, ci accorgiamo che avviciniamo i due manubri, cosa che non avviene con il bilanciere, ove la posizione delle mani rimane ferma, quindi con i manubri nella fase finale dell’esercizio l’adduzione e la contrazione è massima.
-
In fisica il lavoro è determinato da forza per spostamento, dove per forza si intende il carico sollevato e per spostamento si intende la massima escursione del movimento compiuto durante l’esecuzione dell’esercizio. Questi parametri sono direttamente proporzionali al lavoro, quindi più è alto lo spostamento più lavoro avrò sul muscolo.
Congestionare al massimo i pettorali con i manubri richiede un certo grado di esperienza. Per principiante consiglio di iniziare ad educare la percezione neuro-muscolare del pettorale con esercizi dove non è richiesta particolare concentrazione all’equilibrio o alla tecnica, in scarico della colonna vertebrale per esempio le Chest Press e le Pectoral. Infine con i manubri la traiettoria della forza che segue l’articolazione è esattamente la nostra naturale ovvero quella dell’articolazione stessa. Per questo motivo se l’ atleta avanzato utilizza carichi elevati il rischio di avere traumi con i manubri è minore.
-
Sostengo inoltre che, malgrado i manubri siano eccezionali per la congestione muscolare, abbiano purtroppo alcune limitazioni. Infatti per lo sviluppo della massa muscolare è necessario seguire dei programmi di forza in quanto l’ipertrofia muscolare è direttamente proporzionale alla forza. Eseguire dei programmi di forza con i manubri risulterebbe alquanto difficile per maneggiarli, alzarli e posizionarli per eseguire delle serie con carichi massimi.
-
Quindi i miei allenamenti per i pettorali iniziano quasi sempre con i Bench Press detti anche distensioni su panca con tutte le sue varie inclinazioni. Ricordiamo che il Bench Press è un esercizio di base pluri-articolare, infatti coinvolge sia l’articolazione della spalla che quella del gomito, quindi per avere la massima congestione sul pettorale dobbiamo eseguire l’esercizio in modo scrupolosamente corretto.
-
Sono molti quelli che vedo durante l’allenamento nelle distensioni su panca che commettono l’errore nell’estensione di sollevare in avanti la spalla, forse pensando di avere più forza per ultimare l’esercizio, ma in realtà creano un’atteggiamento cifotico delle spalle che non fa altro che rilasciare il muscolo caricando il lavoro alla spalla e non più al pettorale. La spalla in è un muscolo nettamente più piccolo del pettorale quindi il risultato è che faranno più fatica a migliorare la forza rispetto a coloro che rimangono con una postura corretta.
-
Questo di seguito è l’indicazione corretta di come eseguire l’esercizio:
  • sdraiati sulla panca dobbiamo mantenere il petto in fuori unire le due scapole e mantenere tale posizione per tutta la durate del movimento. Importante mantenere la spalla ben appoggiata alla panca senza sollevarla per nessun motivo. In questo modo risulta impossibile estendere completamente l’articolazione del gomito e la congestione del pettorale è assicurata al massimo.
  • Per assumere la posizione corretta delle braccia l’omero deve essere perfettamente parallelo al terreno formando un angolo di 90° con il gomito .
  • L’impugnatura troppo stretta sposta il lavoro sulle braccia in particolar modo a carico dei tricipiti.
  • La fase negativa deve essere sempre eseguita in modo lento e controllato , qualunque sia il carico di lavoro; mentre, nella fase concentrica o positiva, utilizzando forza elastica, esprimo la massima potenza.
Ritengo sia un ottimo esercizio di base. Personalmente eseguo quattro o cinque serie da cinque o sei ripetizioni con un minuto e trenta di recupero tra una serie e l’altra. Successivamente passo ai manubri con tre o quattro serie e ripetizioni da otto o dieci riducendo il recupero a un minuto. Infine come esercizio complementare o di isolamento( cioè che coinvolge l’uso di un unica articolazione che è quella della spalla) eseguo tre o quattro serie di croci su panca da dieci o dodici ripetizioni. Alterno questo esercizio facendolo ai cavi, dove la tensione sul muscolo è costante per tutta la durata del movimento.
-
Un esempio pratico di una delle mie tabelle di allenamento per i pettorali:
-
ESERCIZIO SERIE RIP. REC.
-
DISTENSIONI SU PANCA PIANA CON BIL. 4x5/6 - 1,30’
DISTENSIONI SU PANCA 45° CON MAN. 3/4x8/10 - 1’
CROCI SU PANCA 45° 3/4x10/12 - 1’
PARALLELE (facoltativa) una ad esaurimento
-
Per un buon risultato per l’ipertrofia muscolare è di fondamentale importanza esaurire il glicogeno muscolare (scorta di zuccheri all’interno del muscolo sfruttabile come energia) nel più breve tempo possibile, con questa routine vi assicuro un ottimo risultato e soprattutto è garantito che per almeno 4/5 giorni sentirete il vostro petto aver lavorato!


 
Tutti i diritti sono riservati all’autore dell’articolo.
La riproduzione dell’articolo intero o parziale è vietata previa autorizzazione scritta dell’autore.
Roberto Eusebio
Campione nazionale assoluto di body fitness
 
Ti è piaciuto questo Articolo? Condividilo con i tuoi Amici:
Facebook Live MySpace Technorati Twitter
 
Login
Nickname

Password

Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

Non hai ancora il tuo account BodyTraining.it?

Registrati, E' GRATIS !

Scopri i vantaggi di essere un utente BodyTraining.it registrato!
Links Correlati
 God
 Inoltre anatomia
 News by staff


Articolo più letto relativo a anatomia:
Come rinforzare la cuffia dei rotatori

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 4
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Argomenti Correlati

allenamentoanatomia

Spiacente, non sono disponibili i commenti per questo articolo.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2002 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license
Versione italiana a cura di Weblord.it.
Generazione pagina: 2.03 Secondi